Moro Idraulica - Cambiare l’aspetto del proprio bagno

Come cambiare l’aspetto del proprio bagno

puntando solo sull’arredo bagno

Cambiare l’aspetto del bagno senza rifarlo completamente: è possibile? In questo articolo ti spieghiamo come cambiare l’aspetto di questa stanza puntando soprattutto sull’arredo bagno e senza prevedere alcun lavoro di ristrutturazione.

Il bagno, insieme alla cucina, è una delle stanze funzionali dell’abitazione più soggette ad esigenze di personalizzazione da parte di chi ci vive.

La maggior parte delle persone, quando prende possesso di una nuova abitazione, è proprio su queste stanze che concentra gran parte della propria attenzione e vorrebbe apportare le modifiche più importanti. Allo stesso modo, per chi vive da tempo in un’abitazione, è il bagno una delle prime stanze che viene in mente quando si pensa di rinnovare.

Molti, però, si scoraggiano molto in fretta, perché proprio il bagno sembra essere la stanza che più di ogni altra necessita di modifiche importanti per cambiare davvero volto. In genere si pensa di dover mettere mano ad una vera e propria ristrutturazione, onerosa sia economicamente che a livello pratico. In realtà, non è sempre così: molto spesso, basta agire sapientemente su mobili e accessori da bagno, scegliendo arredi bagno dotati di carattere e personalità per infondere a questa stanza un aspetto completamente diverso da quella di partenza, per adeguarla alle tendenze più attuali, modernizzarla, o semplicemente farla combaciare con i propri gusti e le proprie esigenze.

Ci è successo molto spesso di progettare una rivisitazione completa contando soltanto sulla sostituzione dell’arredo bagno, ad esempio cambiando il box doccia, aggiungendo mobili contenitori dove possibile o modificando alcuni importanti particolari.

In tutti i casi, i nostri clienti sono stati piacevolmente sorpresi nel constatare come dei mobiletti da bagno di design e degli accessori coordinati, insieme ai colori giusti, avessero fatto la differenza.

In questo articolo vi riportiamo tre esempi in particolare, raccontandovi come abbiamo cambiato volto delle stanze da bagno di tre nostre clienti: Federica, Elena e Mariagrazia.

Tutte e tre, pur non essendosi sobbarcate vere e proprie ristrutturazioni, hanno visto le loro stanze da bagno cambiare completamente volto e rispondere più efficacemente alle loro esigenze. 

Il bagno di Federica

Federica aveva acquistato un’abitazione in cui il bagno era stato rifatto di recente, era moderno ed esteticamente gradevole. Per questa ragione all’inizio, non aveva ritenuto necessario modificarlo in alcun modo. Dopo qualche anno, però, si era resa conto che quel bagno, così come si presentava, non rispondeva alle sue esigenze. In modo particolare, Federica avrebbe voluto sostituire il lavabo esistente con un mobile che fosse esteticamente gradevole e al contempo capiente e pratico.

Dopo aver fatto un sopralluogo e proposto diverse soluzioni per capire con esattezza quali fossero i gusti e le esigenze di Federica, abbiamo preparato il nostro progetto.

Nel rinnovare il bagno di Federica, volevamo:

  • ricavare spazi funzionali per riporre gli oggetti di uso quotidiano;
  • mantenere il carattere moderno della stanza, aggiungendo magari qualche tocco glamour in più;
  • non appesantire, ma anzi dare al tutto maggiore movimento.

Abbiamo quindi optato per mobili da bagno di design, leggeri, ma capienti, dotati di movimento, colorati, ma allo stesso tempo solidi e pratici, una soluzione che sottolineasse la modernità della stanza, con una nota di freschezza e di allegria.

In particolare:

  • abbiamo scelto l’arredo bagno di Cerasa, in particolare, la serie PLAY;
  • per il lavabo, abbiamo scelto un top ad alto spessore in HPL effetto legno con vasca integrata;
  • vista l’importanza dello spessore del top, abbiamo alleggerito l’insieme della composizione utilizzando due cassetti contenitori sfalsati rispetto al centro del lavabo e di due finiture diverse.

Abbiamo scelto un materiale come l’HPL perché è un composto molto resistente ed innovativo, risultante dalla sovrapposizione di diversi strati di laminato uniti per mezzo di resine, pressati e fusi a 180° in un unico e compatto spessore. Sull’ultimo strato viene applicata una finitura in grado di comunicare un gradevole aspetto materico o liscio ed omogeneo. Nel nostro caso, abbiamo scelto l’effetto materico simile al legno. L’HPL è resistente agli sbalzi di temperatura, al vapore e all’usura e per questa ragione viene spesso utilizzato per l’arredamento di spazi esterni e di stanze da bagno.

Gli arredi bagno realizzati in questo materiale sono poliedrici ed eleganti, oltre che resistenti e facilmente lavabili, qualità molto importanti per una stanza da bagno.

Il risultato che siamo riusciti ad ottenere era esattamente quello auspicato da Federica:

  • il mobile, pur largo e capiente, risulta leggero perché non si presenta come un blocco unico;
  • i piani di appoggio presenti nel mobile sono pratici e sufficienti per l’uso che Federica voleva farne.

La stanza da bagno di Federica ha acquisito in pochi semplici passaggi carattere e praticità, in un connubio perfetto.

Il bagno di Elena

Elena viveva già da tempo nella sua casa e aveva voglia di dare un aspetto nuovo al suo piccolo bagno, già caratterizzato da piastrelle bianche e rosse decisamente inusuali per una stanza da bagno.

In modo particolare, Elena voleva intervenire:

  • sul box doccia: ormai demodé, decisamente vecchio e “brutto”;
  • sul lavabo: essendo un modello provvisto di colonna, portava via molto spazio.

Dopo il nostro consueto sopralluogo, tenendo presente il fatto che ci trovavamo di fronte ad una stanza da bagno con evidenti problemi di spazio, abbiamo deciso di:

  • agire in maniera da sfruttare tutto lo spazio a disposizione, alleggerendo l’insieme ed eliminando l’impressione che si trattasse di una stanza angusta;
  • sottolineare la personalità particolare data dalle piastrelle bianche e rosse.

Abbiamo scelto quindi per un arredamento bagno luminoso e allegro:  

  • abbiamo sostituito la cabina doccia con Dino, il modello scorrevole di TDA; in particolare:
    • abbiamo scelto un modello con i profili bianchi ed i vetri trasparenti che desse luminosità all’ambiente;
    • abbiamo optato per l'entrata ad angolo che ha il pregio di agevolare l'entrata e di dare più spazio di movimento se lasciata aperta
  • per il lavabo, abbiamo scelto un’opzione che fosse bella, ma al contempo non ingombrasse troppo:
    • un contenitore della serie MODO di Altamarea, largo 75 cm e profondo soltanto 42 cm;
    • vi abbiamo abbinato un lavabo a catino della serie Glam di Scarabeo, capiente, appoggiato direttamente sul contenitore.

Completa la composizione uno specchio rotondo provvisto di luce.

Abbiamo scelto per il mobile lavabo il colore rosso: volevamo integrare e sottolineare la particolarità delle piastrelle. Una scelta piuttosto coraggiosa per un bagno, ma davvero azzeccata: l’effetto è glamour e allegro.

In pochi, semplici passaggi, il piccolo bagno di Elena è diventato un gioiello di praticità, allegro, dalla personalità decisa e luminoso.

Il Bagno di Mariagrazia

Il bagno di Mariagrazia aveva bisogno di un tocco di modernità e di efficienza. La stanza aveva evidenti problemi di gestione degli spazi:

  • i prodotti erano ammucchiati su un vecchio carrello di bambù;
  • accanto al box doccia, ormai diventato vecchio e brutto, era posizionata la lavatrice.

Dovevamo trovare una soluzione che:

  • tenesse conto del fatto che il vetro che separa il punto acqua dalla lavatrice dev’essere fisso per legge;
  • aggiungesse armonia all’ambiente, tenendo conto della presenza della lavatrice;
  • consentisse di ricavare piani di appoggio e soluzioni salvaspazio per contenere prodotti e oggetti di uso quotidiano.

Abbiamo dunque pensato ad arredi bagno capaci di fornire praticità e luminosità e abbiamo:

  • scelto un box doccia della serie DINO di TDA, in vetro trasparente e con montanti bianchi, con parete fissa e porta a saloon: l’ideale per gli spazi angusti, poiché lascia libero tutto lo spazio di entrata e può inoltre essere affiancato alla lavatrice grazie alla parete fissa;
  • abbiamo montato un pensile pratico e dall’aspetto piacevole al di sopra della lavatrice per riporre tutti gli oggetti prima sparsi in giro o ammonticchiati sul carrello di bambù che abbiamo eliminato dall’arredo del bagno;
  • abbiamo completato il tutto con accessori bagno incollati a parete coordinati: porta salviette, appendini, portarotolo e scopino.

Il bagno di Mariagrazia ha acquisito un aspetto luminoso, spazioso e ordinato, fatta salva l’esigenza di tenere la lavatrice nella stanza.

Le soluzioni che vi abbiamo presentato dimostrano che cambiare volto al proprio bagno non deve necessariamente passare da costose e impegnative ristrutturazioni

A queste esigenze si prestano gli arredi di nuova generazione

prodotti da aziende di arredo bagno che fanno della praticità e dell’innovazione estetica la propria bandiera. Come quelli che abbiamo scelto per le nostre tre clienti.

Insomma, non c’è alcuna ragione per scoraggiarsi: cambiare il proprio bagno puntando esclusivamente sull’arredo bagno si può


SCRIVICI

Moro Idraulica
-->