Moro Idraulica - Bagno bianco

Bagno moderno bianco

come arredare total white

Ti piace giocare con i colori? A me moltissimo! E infatti, in questo articolo, ti parlo di come realizzare un bagno bianco, un bagno total white!

Probabilmente, ciò che hai appena letto ti ha lasciato interdetto. Ho parlato di giochi con i colori e poi ho fatto riferimento ad un bagno tutto bianco. Come è possibile?

Anche il bianco è un colore

Potresti pensare che scegliere un arredamento bagno bianco sia banale e che non consenta proprio per niente di giocare con i colori. 

In realtà, fissiamo subito un concetto importante: anche il bianco è un colore. E ti assicuro che molti sono d’accordo su questo punto: tra di loro i maggiori designer di arredo bagno presenti sul mercato attualmente. Un bagno arredato all’insegna del total white può riservare infatti molte più sorprese di quanto si creda: consente di sfruttare appieno la luce e la luminosità della stanza, di dare un’idea di spazi ampi ed è, decisamente, moderno ed elegante.

Non è un caso che il bianco sia sempre più utilizzato nell’arredo del bagno, poiché si rivela una tinta capace di unire eleganza e leggerezza in un mix perfetto. Il bianco dona equilibrio agli elementi della stanza da bagno e infonde una sensazione di pulizia e di ordine. Si presta, inoltre, particolarmente bene ad assecondare un arredo bagno all’insegna delle linee moderne e della funzionalità.

Per farti un esempio concreto, ti racconto ciò che abbiamo fatto per la signora Marizia e suo marito e, soprattutto, per il suo bagno.

Il bagno della signora Marizia

La signora Marizia assieme al marito hanno deciso di fare qualche lavoro nell’appartamento di vacanza e, dato che la vicina si era trovata bene con noi, sono venuti a trovarci per raccontarci le loro esigenze e trovare una soluzione che fosse comoda ed esteticamente gradevole.

I due coniugi avevano appena iniziato dei lavori di ristrutturazione del loro piccolo appartamento per le vacanze e volevano approfittarne per rifare anche il bagno. Le loro esigenze si riassumevano, sostanzialmente, in tre parole: comodità e piacevolezza estetica

Avevamo a che fare con un piccolo appartamento per le vacanze e con una stanza da bagno altrettanto piccola. Dovevamo muoverci in maniera da assicurare comfort e praticità, senza però dare un’idea di spazio troppo pieno e, soprattutto, senza rinunciare ad un’estetica di livello.

Per prima cosa, come è nostra abitudine, abbiamo ascoltato le esigenze di Marizia e di suo marito, insieme, naturalmente, alle loro preferenze. Si tratta di un momento molto importante del nostro lavoro. Insieme abbiamo vagliato le varie possibilità, esaminato il materiale e i disegni e scelto la direzione da prendere per rispondere nella maniera migliore alle loro esigenze.

Lo spazio d’azione era indubbiamente piuttosto limitato, viste le piccole dimensioni. In prima battuta, dunque, nell’elaborare il progetto, abbiamo dato priorità alla comodità

Siamo giunti molto in fretta alla conclusione che ci trovavamo in un contesto in cui proprio il colore bianco e il concetto di “total white” avrebbero potuto risolvere la situazione nella maniera più soddisfacente possibile. In uno spazio tanto ridotto, infatti, il bianco avrebbe garantito innanzitutto luminosità, grazie alla sua naturale capacità riflettente. Allo stesso tempo, la maggiore luminosità che ne sarebbe risultata, sarebbe stata in grado di infondere comfort e relax. Sensazioni imprescindibili in un appartamento pensato per i periodi di vacanza. 

Riassumendo, dunque, i clienti avevano queste esigenze:

  • Praticità, nonostante il poco spazio a disposizione;
  • Estetica piacevole e confortevole;
  • Niente sanitari sospesi: una preferenza che non abbiamo avuto difficoltà ad assecondare.

Il progetto

In situazioni come questa, nelle quali si ha a disposizione poco spazio, è fondamentale studiare tutto con attenzione fin nei minimi particolari, per non commettere errori. Il pericolo è quello di sovraccaricare l’ambiente o di renderlo poco efficiente per mancanza degli elementi d’arredo necessari.

Cominciamo dunque ad illustrare le soluzioni concrete che abbiamo adottato!

Il progetto ha previsto:

  • Per i sanitari: la serie VELIS di Catalano;
  • Per la composizione del lavabo: una delle soluzioni create da INDA;
  • Per la doccia: il modello ARIA di TDA

La serie VELIS di Catalano si è prestata molto bene a soddisfare le esigenze dei nostri clienti. 

Come desideravano non abbiamo utilizzato i modelli sospesi, bensì quelli a terra. I sanitari prescelti sono piccoli, compatti, completamente a filo muro, essenziali e capaci di unire pratica ed estetica. Inoltre, per contenere la cassetta incassata, abbiamo creato un muretto profondo circa 10 centimetri e alto 1.30 metri che ha assunto anche la pratica funzione di mensola.

Per la composizione del lavabo abbiamo scelto un modello della serie Soluzioni di INDA. Si tratta di una composizione poco ingombrante, che non intralcia lo spazio d’entrata, poiché misura solo 60 cm di larghezza per 46 cm di profondità. Un arredo bagno all’insegna della razionalità che non rinuncia però a linee eleganti e al contempo essenziali.

La doccia è rimasta molto spaziosa ed è stata posizionata in una nicchia, chiusa da una semplice porta a battente e senza profili. Il modello è ARIA di TDA, caratterizzato da ottime rifiniture.

Pavimento e piastrelle

Scegliere lo sfondo giusto per il nostro bagno bianco era fondamentale. Per questa ragione, abbiamo optato per un contrasto netto, pur espresso nelle gradazioni del bianco, tra il “matt” del pavimento ed il “lucido brillante” delle pareti.

Per il pavimento e le pareti, abbiamo usato dunque:

  • Piastrelle in gres porcellanato effetto graniglia, serie Imperial Venice di Novabell
  • Maioliche della serie BRICK di Ragno per le pareti.

Le piastrelle per il pavimento, in gres porcellanato effetto graniglia, sono a fondo bianco con piccole sfumature grigio perla quasi invisibili in prima battuta, ma ricche di effetti grazie alla luce.

Il rivestimento delle pareti è stato invece realizzato con maioliche rettangolari (10x30 cm) della serie Brick di Ragno, dal piacevole effetto ondulato e dal colore bianco lucidissimo.  

Abbiamo deciso di non esagerare, per cui abbiamo piastrellato soltanto fino al limite del muretto. Per realizzare la finitura superiore, poi, abbiamo utilizzato i pezzi speciali tondi, che hanno il pregio di impreziosire l’insieme senza appesantirlo in alcun modo.  

La rubinetteria

Anche per le rubinetterie, il leitmotiv che ci ha guidati è stato quello della leggerezza. Non avevamo che l’imbarazzo della scelta: il total white predilige il minimalismo e la semplicità e sono molte le aziende del settore che si muovono in questa direzione. Per questo progetto, dunque, abbiamo scelto una rubinetteria essenziale, piccola, minimale, ma decisamente elegante, come i Rubinetti della serie Homix 4000 di Gattoni, mentre nella doccia abbiamo posizionato un soffione grande, insieme ad un pratico doccino.

I rubinetti, efficienti, di ottima fattura, si integrano alla perfezione nell’insieme dell’arredo bagno prescelto.

La presenza del soffione grande e del doccino è in grado di soddisfare ogni esigenza e rende la doccia, pur nella sua lineare semplicità, capace di rispondere ad ogni esigenza.

L’effetto finale

Il risultato finale è quello di una luminosissima e, nonostante le piccole dimensioni, ariosa e funzionale “scatola bianca”. L’effetto è raffinato, accurato, elegante e solare. L’ideale per il piccolo bagno di un appartamento per le vacanze.  Esattamente ciò di cui lei e suo marito ci avevano chiesto fin dal primo colloquio.

Il colore bianco ha il vantaggio di non stancare mai, di non dare la sensazione di “troppo pieno” e non è in nessun caso chiassoso. 

Effetti del genere, in un bagno tanto piccolo, avrebbero portato con sé il pericolo di stancare molto in fretta e di non contribuire per niente all’esigenza di relax propria del bagno di una casa per le vacanze. I sanitari e le relative rubinetterie, inoltre, pur piccoli, risaltano in questo bagno, grazie alla luminosità che vi regna. In più, non va neppure trascurato il fatto che la luce si riflette in maniera diversa sulle varie superfici, grazie ai diversi livelli di liscio e ruvido, ondulato e opaco. 

Le superfici, pur essendo tutte bianche, giocano in maniera differente con i riflessi della luce e mettono in risalto, di volta in volta, diversi elementi dell’arredo bagno.

Se non sei ancora completamente convinto

del fatto che il bianco possa essere una scelta niente affatto banale, ma anzi creativa, elegante e pienamente conforme alle ultime tendenze dell’arredo bagno, contattaci per una consulenza.

Saremo in grado di proporti innumerevoli soluzioni all’insegna del total white!


SCRIVICI

Moro Idraulica
-->